associazione culturale katyn


dal Blog di Samuele Piscina:

giovedì 27 ottobre 2011

INTERVENTO A RIGUARDO DELL'AMBULATORIO OCCUPATO DI VIA DEI TRANSITI


Milano, 25 Ottobre 2011


OGGETTO: Intervento “Richiesta di iniziativa per consentire il proseguimento dell’attività dell’Ambulatorio Medico Popolare di Via dei Transiti 28”.

Farò alcune considerazioni a riguardo di questo ambulatorio:


-         L’Ambulatorio è occupato abusivamente ed il proprietario, che lo ha acquistato nel 2003 come scritto nella mozione, non può utilizzare il locale pur essendo sua proprietà privata.

-         Viene quindi leso il Diritto Assoluto alla proprietà privata sancito dal Titolo III Art.42 Par.2 della Costituzione Italiana e dall’Art. 832 del Codice Civile italiano (una spettanza, una pretesa giuridica che l'ordinamento riconosce e tutela erga omnes, ossia avverso tutti e a favore di chi ne è titolare).

·        Titolo III Art.42 Par.2 della Costituzione Italiana: La proprietà privata è riconosciuta e garantita dalla legge, che ne determina i modi di acquisto, di godimento e i limiti allo scopo di assicurarne la funzione sociale e di renderla accessibile a tutti.
·        Art. 832 del Codice Civile italiano: la proprietà è "il diritto di godere e disporre della cosa in modo pieno ed esclusivo, entro i limiti e con l'osservanza degli obblighi stabiliti dall'ordinamento giuridico. "

-         L’ambulatorio ha stretti legami con il Centro Sociale T28 che doveva essere sgomberato il 29 Settembre scorso. Questo sfratto è stato arrestato dal Sindaco amico di questi delinquenti, il vostro sindaco.

-         All’interno del Centro sociale T28, come all’interno di molti altri centri sociali di Milano come il Leoncavallo, sono presenti alcuni dei soggetti criminali che le scorse settimane hanno partecipato alla guerriglia urbana di Roma provocando danni per oltre 2 Milioni di Euro e cercando il morto che, grazie all’esemplare comportamento delle forze dell’Ordine, non è sopraggiunto.

-         Detto questo, non possiamo anche dimenticare la guerriglia di Corso Buenos Aires del 2006 alla quale parteciparono criminali provenienti dalla maggiora parte dei centri sociali milanesi. Il bilancio fu di 45 arresti, 9 poliziotti feriti, auto, negozi, e motorini in fiamme il tutto condito dall’immagine della via devastata.

-         Faccio inoltre presente che esistono tante organizzazioni che svolgono il servizio a titolo gratuito che svolge anche l’ambulatorio in esame, senza però violare la Costituzione ed il Codice Civile italiano. Mi riferisco per esempio ad associazioni come Archè, i Consultori ASL ed i Medici della Mutua.

In conclusione, voi ci state chiedendo di votare (e molto probabilmente voterete) un documento volto a sovrastare la Costituzione Italiana ed il Codice Civile Italiano.

Purtroppo per voi, al contrario di altri soggetti qui presenti, la Lega Nord lotta da sempre per la legalità e non voterà mai favorevolmente a documenti che violino il diritto alla proprietà di un cittadino.



Samuele Piscina
Capogruppo Lega Nord Zona 2


OVVIAMENTE LA MOZIONE IN QUESTIONE, PURTROPPO, E' STATA FATTA PASSARE DALLA MAGGIORANZA

7. Brevi dal Consiglio di zona 2
di Alberto Ciullini
E'stata approvata l'istituzione della Commissione a termine *Coesione Sociale, Inclusione e Sicurezza* presieduta dal consigliere Stefano Costa. È un passaggio significativo per tanti aspetti: è un segnale concreto di come la coalizione intenda affrontare le criticità di zona, che nessuno vuole nascondere, invertendo l'ordine dei fattori: coesione sociale e inclusione possono determinare anche sicurezza; è un impegno preso dalla coalizione in campagna elettorale che viene assolto, è un primo passo per ribaltare la logica della sicurezza intesa solo in termini repressivi e securitari. La prima riunione di Commissione in cui verranno presentate le linee guida si terrà il *giorno 11/11 alle ore 18.00*. È una bella scommessa per tutto la maggioranza e per il presidente Costa: diamogli una mano!

Sempre il 19 è stata approvata una *mozione urgente contro l'accorpamento delle autonomie scolastiche*, imposto per decreto dalla finanziaria estiva, solo per fare cassa risparmiando sulle dirigenze e sulle segreterie scolastiche, in barba a qualsiasi criterio di qualità didattica. La mozione ha proposto al Comune di chiedere una proroga di un anno per il ridimensionamento degli istituti scolastici in modo da poterlo organizzare di concerto con le strutture scolastiche e le zone, e non nei tempi e nella logica di puro taglio orizzontale con cui è stato "pensato" ad oggi. Mozioni analoghe sono state approvate negli altri CdZ e la vicesindaco Guida le ha accolte e sottoscrittto una richiesta di proroga al Ministero e agli altri enti locali interessati (Provincia eRegione). Chi è interessato può chiedermi approfondimenti.

Nella seduta del 26 si è affrontata per *via urgente* la questione del *mercato comunale di viale Monza 54*. Poiché un po' di consiglieri eravamo venuti a conoscenza dell'intenzione dell'assessorato Commercio di ristrutturare il mercato, affindandolo ad un gestore unico (o associazione di imprese) per trasformarlo in "mercato tipicizzato" (prodotti etnici) e poiché i commercianti hanno ricevuto una lettera il giorno 17/10 in cui li si avvisa che la concessione in scadenza il 31/12 non gli sarebbe stata rinnovata ed entro il 4 novembre avrebbero dovuto scegliere una locazione alternativa, *come maggioranza abbiamo presentato una mozione urgente contro queste modalità*, sia nel metodo (nessuna consultazione della cittadinanza e del CdZ), sia nel merito (scarsa considerazione del ruolo di calmieramento dei prezzi dei mercati comunali, del valore anche sociale e aggregativo degli stessi).
Nella mozione si chiede di prorogare le concessioni e di avviare un tavolo di lavoro con la cittadinanza, i commercianti e il CdZ per arrivare ad una decisione condivisa che preveda una riqualificazione dei mercati comunali di zona.
Anche la Lega ha presentato una mozione urgente (di pura contestazione dell'operato dell'assessore e di difesa dei commercianti contro qualsiasi ipotesi di "etnicità" del mercato) e, dopo un lavoro di limatura, si è giunti ad una formulazione condivisa della mozione che è stata *approvata all'unanimità* [ci abbiamo messo un'ora e quaranta, ma va bene lo stesso...]. Anche questo mi sembra un passo significativo in direzione del decentramento e di condivisione della scelte politico-amministrative.

Nel prolungamento della riunione il giorno *27*, il Consiglio *ha bocciato* la mozione della Lega (appoggiata dal PDL) che chiedeva l ripristino del "pattugliamento interforze per le strade dei quartieri a rischio". Vi risparmio i deliri leghisti mentre sottolineo il bellissimo intervento della consigliera *Alessandra Gatti* (PD) che ha ricevuto l'applauso spontaneo di tutta la maggioranza.

Abbiamo *approvato la mozione* in *difesa dell'attività dell'Ambulatorio Medico Popolare* di via dei Transiti a rischio di sfratto, in cui chiediamo al Comune di farsi attore per evitare la chiusura di un'attività così importante per fasce di cittadini non tutelati.

Infine è stata *approvata la mozione di richiesta di avvio di un tavolo di lavoro su via Padova*. Se è vero che con l'istituzione della Commissione Coesione sociale in parte si veniva già incontro a tale esigenza, è sembrato opportuno ribadirla come Consiglio di Zona nella sua interezza, per sottolineare l'aspetto generale della questione.

Purtroppo la "lentezza" dei lavori in Consiglio non ci ha consentito di discutere l'istituzione della *Commissione Decentramento* che è slittata alla prossima seduta e che è altro passaggio significativo di questo avvio della consigliatura.

Make a Free Website with Yola.