associazione culturale katyn


Chi si può fidare del pastore che dice che il lupo non esiste?

IL SOTTO-SEGRETARIO NEGAZIONISTA PENSA DI "TRANQUILLIZZARE" GLI ITALIANI, MA OTTIENE L' EFFETTO DIAMETRALMENTE OPPOSTO

FA CAPIRE ALLE FAMIGLIE CHE SONO  PIENAMENTE FONDATE LE LORO LORO PAURE DI ESSERE IN MANO A GENTE IDEOLOGICA, IGNORANTE, ARROGANTE, PRESUNTUOSA, CHE NEGA L' EVIDENZA E CHE VUOLE PURE CANCELLARE LA DEMOCRAZIA
Settembre 2015

Risultati immagini per faraone davide

Un membro di un governo che si lascia andare a dichiarazioni isteriche, fatte da invettive, slogan, frasi apodittiche e spacciate per verità indiscutibili, insulti e luoghi comuni tradisce il suo atteggiamento di fondo totalitario, tipico di tutti i regimi.

Tradisce l' atteggiamento "fascista" di chi, infastidito da gente che non la pensa come lui, vorrebbe imporre la sua "verità" e  tacitare il dissenso. Insomma una vera vergogna antidemocratica .

Ecco che dice Davide Faraone, sottosegretario all' istruzione del governo Renzi: «Non esiste alcuna "teoria gender". Non esiste nella Buona Scuola. Ma vi dirò di più: non esiste proprio.  Se ne facciano una ragione quanti stanno diffondendo informazioni distorte da nord a sud, ai docenti e alle famiglie. Si chiama terrorismo psicologico, si chiama calunnia, adesso basta. La scuola non trasmette nessuna pratica demoniaca e nessuna imposizione di orientamenti sessuali. Non possiamo permettere che simili fandonie possano essere diffuse tra le famiglie generando panico ingiustificato».

La calunnia è semmai quella del sottosegretario. E anche l' intimidazione e il terrorismo psicologico. Sono innumerevoli e perfettamente documentati i casi di GENDER  e altre porcherie sessualiste "insegnate" nelle nostre scuole, con la scusa di combattere la cosidetta "omofobia".  Basti solo sfogliare questo documento il quale ha un solo difetto: quello di non essere aggiornato. Infatti i casi aumentano continuamente.

Del resto il sotto-segretario (sottolineiamo il "sotto") dovrebbe ben sapere dei libretti UNAR che erano stati prodotti e diffusi abusivamente da un ufficio del suo governo e poi pure ritirati dai suoi stessi colleghi!

Come dovrebbe sapere delle centinaia di sussidi didattici introdotti nelle nostre scuole e che parlano di bimbi con due madri, uteri in affitto, principesse "col pisello" e altre idiozie che non ha senso che di trattino nelle scuole.
Risultati immagini per la principessa col  pisello gender zaff

Però lui nega. Libero di negare; ci sono anche quelli che negano che siano state abbattute le torri gemelle o che la terra sia rotonda.  Ma almeno non spacci le sue "convinzioni" come una verità indiscutibili e apodittiche. Questo è solo l' atteggiamento dei dittatori e degli stupidi fanatici. Il che dimostra quello che volevasi dimostrare. E cioè che siamo in mano a gente arrogante e pericolosa, a cui non dovremmo dare in mano, non diciamo la scuola italiana e i nostri figli, ma nemmeno un pollaio.

Se il sotto-segretario strilla che il gender non esiste nelle scuole è perchè evidentemente lui nelle scuole non ci va, e non sa quello che ci succede. Mentre lo sanno benissimo le migliaia di genitori che segnalano da tempo quanto si cerca di introdurre sottobanco nelle nostre scuole.

I gentitori si rivolgono pure a Papa Francesco per segnalare ciò che, per il sotto-segretario non esiste.  Papa Francesco ha ben chiara quale sia l’attuale situazione delle scuole italiane riguardo all’indottrinamento gender. Lo ha dimostrato quando, nel discorso di apertura del convegno ecclesiale della Diocesi di Roma, tenuto in Piazza San Pietro il 14 giugno 2015, ha pronunciato queste parole: «I nostri ragazzi, ragazzini, che cominciano a sentire queste idee strane, queste colonizzazioni ideologiche che avvelenano l’anima e la famiglia: si deve agire contro questo. Mi diceva, due settimane fa, una persona, un uomo molto cattolico, bravo, giovane, che i suoi ragazzini andavano in prima e seconda elementare e che la sera, lui e sua moglie tante volte dovevano “ri-catechizzare” i bambini, i ragazzi, per quello che riportavano da alcuni professori della scuola o per quello che dicevano i libri che davano lì. Queste colonizzazioni ideologiche, che fanno tanto male e distruggono una società, un Paese, una famiglia. E per questo abbiamo bisogno di una vera e propria rinascita morale e spirituale».


 


PORNOGRAFIA SCOLASTICA E CORRUZIONE DI MINORI

Il sottosegretario che parla di "terroristmo psicologico" dovrebbe ricordarsi di casi dove il terrorismo psicologico c' è stato veramente, ma imposto da gente che la pensa come lui-
Emblematico il caso del liceo di Roma cove è stato letto in classe il libro di Melania Mazzucco "sei-come-sei".    Vi ricordate la preside della scuola che affermava che questo romanzo era un «bel libro pieno di poesia e delicatezza».   
Ora, sentiamo alcuni passi di questa poesia e delicatezza: «ficcò la testa fra le gambe di Mariani e si infilò l’uccello in bocca. Aveva un odore penetrante di urina, e un sapore dolce. Invece di dargli un pugno in testa, Mariani lasciò fare. Giose lo inghiottì fino all’ultima goccia e sentì il suo sapore in gola per giorni. Il fatto si ripeté altre due volte, innalzandolo a livelli di beatitudine inaudita»
.    Eppure questa cosa è stata definita altamente "culturale" e gli oppositori "fascisti", "clericali" e "omofobi"....(e sicuramente anche il sotto-segretario Faraone sarà stato consenziente).  
Questo ci fa capire chiaramente IN CHE RAZZA DI MANI SIAMO
Faraone fa il contario eatto del suo mestiere; invece di difendere il popolo italiano e i nostri ragazzi dai pericoli e dalla manipolazione dei nostri ragazzi, lui  mette la testa sotto la sabia,  anzi, è dalla parte di chi queste porcherie le sta promuovendo.  invece di difendere il gregge, lo lascia in pasto ai lupi. Anzi chiama i lupi per mangiarsi le pecore.

esempio di deformazione mediatica. Se uno protesta contro le oscenità diventa "omofobo"


CREDERE OBBEDIRE COMBATTERE...

Il sotto-segretario ideologo para-comunista (non per nulla è del PD, patria dei dittatori e dei regimi) afferma che "C'è la ferma determinazione di fare delle ragazze e dei ragazzi cittadini consapevoli, che conoscano e rispettino diritti e doveri della persona, per contrastare ogni tipo di violenza o di istigazione all'odio. Razzismo, bullismo, istigazione all'odio, omofobia, intolleranza sono tutti disvalori che non fanno parte del nostro paese e che la scuola deve identificare, prevenire e combattere... (riedizione dello slogan fascista credere-obbedire-combattere)".

Già l' idea di voler creare con la scuola dei "cittadini consapevoli ", puzza di regime.  Ma poi il sotto-segretario dovrebbe sapere che non siamo scemi e non può abbindolare il popolo italiano con gli slogan.   Tutti siamo contro la violenza, il bullismo e l' istigazione all' odio.  Ma non è questo il punto. Il punto è che qualcuno vorrebbe usare queste belle parole per nascondere sottobanco le sue ideologie demenziali e farneticanti.

Ci vogliono far credere che per combattere la discriminazione e la violenza l' unico modo è "insegnare" che l' omosessualità, o la transessualità  sono normali, che uno si sceglie il sesso nella mente e non nella realtà, che la famiglia può essere composta da due "papà" o due "mamme", che i bambini si possono fare in provetta, che uno deve "liberare" gli istinti sessuali che si sente dentro.

Ora, noi diciamo che questo non è l' unico modo per combattere violenza e bullismo. Anzi è il modo peggiore.  Uno può anche essere contrario alla violenza e al bullismo eppure pensare che l' omosessualità non è normale e che la famiglia è composta da due genitori di sesso diverso, e che i figli non si fanno con le provette, e che il sesso non è un gioco, ma una responsabilità.

Come minimo la scuola deve tenersi fuori da ciò, perchè non è suo compito indottrinare. E questo non è mai stato compito della scuole, se non nei regimi.   Io ho studiato 20 anni nelle scuole italiane, e nessuno si è mai sentito in dovere di insegnare nè l' identità di genere, nè il contrario...Nessuno ha mai avuto l' arroganza e la scemenza demenziale di usare le cattedre scolastiche per combattere gli "stereotipi"...

E se la scuola dovesse indottrinare i ragazzi ai "valori", potrebbe casomai iniziare innanzitutto dall' insegnamento che l' aborto è un delitto e non un diritto. Capito signor sotto-segretario?


Risultati immagini per aborto

Qui il testo completo delle sua "dichiarazioni" del sotto-segretario.

http://www.tecnicadellascuola.it/item/13785-faraone-ne-la-buona-scuola-non-esiste-la-teoria-gender.html

Angelo Mandelli

Make a Free Website with Yola.