associazione culturale katyn


SIAMO TUTTI OMOFOBI

ECCO PERCHE' GLI LGBT POTRANNO PREVALERE SOLO CON L' INTOLLERANZA E LA DITTATURA

   

Ormai sono anni che è in corso la ossessiva e fanatica campagna del mondo LGBT per imporre il suo pensiero unico.


Tutti coloro che non condividono le idee balzane di questa gente vengono criminalizzati e accusati di "omofobia" (termine indefinito, ma che serve benissimo per scatenare l’ odio verso gli “omofobi”).
Gli LGBT pretendono leggi speciali (come la Scalfarotto) per tappare la bocca ai propri oppositori.
Vogliono usare la scuola come strumento di indottrinamento pure per i bambini nelle più tenere età.
Inoltre hanno assoggettato quasi completamente tutto il mondo mediatico-culturale.
E se qualcuno si azzarda ad uscire dal coro, viene sottoposto al solito linciaggio mediatico (e talvolta anche fisico) che ben conosciamo.

Qualcuno si meraviglia di ciò. Come è possibile che siano così arroganti e prepotenti?  Ma, se ci pensate bene,  gli LGBT non potevano fare diversamente. Non potevano usare altre strategie.
Infatti tutte le ideologie possono imporsi solo grazie a questi metodi:   Leggi speciali; indottrinamento statale, censura mediatica e, in definitiva,  violenza.
La verità si impone da sola, senza sforzi e senza bisogno di minacce;  mentre per imporre la menzogna bisogna darsi un gran da fare per mettere in atto un sistema forzoso di "convincimento"

Ora, qual' è la menzogna che le associazioni LGBT (e non solo) stanno cercando di imporci in tutti i modi?  E' la pretesa per cui l' omosessualità sia una cosa normale come la eterosessualità.
Ma, per quanto loro si sgolino, la maggior parte della gente rimane convinta del contrario. Vedere due donne o due uomini che si baciano suscita repulsione ai più. I matrimoni gay sembrano una pagliacciata di pessimo gusto. Far vestire i maschietti con la gonna e dar loro il rossetto per truccarsi appare come una pratica demenziale, di cui i genitori farebbero volentieri a meno.
Del resto, provate a considerare una cosa sola.  Pensate a cosa vedete in TV e sui giornali.  Nonostante la tanta conclamata lotta alla "omofobia", il 99% dei film, telefilm, sceneggiati, telenovelas, spot pubblicitari ecc, fanno vedere rapporti eterosessuali "normali", dove le donne sono donne, l' attrazione è fra persone di sesso diverso, i romanzi d' amore sono fra maschi e femmine, chi si veste da donna è femmina (e non trans).   E lo stesso accade sui rotocalchi della carta stampata.
Se l' omosessualità e la transessualità  fossero cose così pacifiche e normali, la situazione sarebbe diversa, e il cantante barbuto vestito da donna non lo vedremmo solo a San Remo per farci sopra una risata e una battuta, ma li vedremmo ogni giorno nei film di prima serata.
Insomma grazie a Dio, la realtà resiste ad ogni tentativo di ideologizzazione e manipolazione.
Per questo gli LGBT,  fra un travaso di bile e una "contromanifestazione" dei "sentinelli",  devono darsi da fare da mane a sera per strillarci dietro,  per "convincerci" che siamo tutti omofobi e per sguinzagliare la loro polizia segreta per reprimere ogni dissenso.
Certamente lo siamo, omofobi.  Siamo tutti omofobi.  Come era omofobo pure il Padreterno, creando l' uomo come dualità di maschio e femmina.
E rimarranno omofobi pure i bambini delle scuole, che, di fronte al compagno di classe gay, si faranno un sacco di risate.  E continuerà il bullismo, nonostante le leggi Scalfarotto e nonostante i programmi scolastici gay-friendly.
Tutto ciò continuerà per lo stesso motivo per cui la favola del "Re nudo" è finita come sappiamo.
La verità non si può nascondere a tutti e per troppo tempo.  Salta sempre fuori. Tanto più se è così evidente come quella per cui per fare i bambini ci voglioni due organi genitali diversi e complementari.
Purtroppo ci vorranno un po' di anni di dittatura LGBT, di leggi Scalfarotto, matrimoni gay e teorie del gendere nelle scuole, prima che la verità venga a galla. E' sempre stato così per tutte le dittature.  Purtroppo la stupidità ha una durata "fisiologica" che non è possibile ridurre.
Pensate che ci sono voluti vent' anni post-68 e i morti delle Brigate Rosse prima che ci si rendesse conto che il comunismo era una cosa sbagliata.  Ma poi è successo.
Quindi fra un po' di anni della ennesima sbornia ideologica, ci renderemo conto che non ci sono scorciatoie ideologiche per combattere il "bullismo".   Non si tratta di cancellare le differenza fra i sessi o le tendenze sessuali per rendere uguali gli uomini e renderli immuni dalla violenza.
Non serve colorare i bianchi di nero o i neri di bianco per combattere il razzismo.
L' unica cosa che serve per arginare il bullismo (che tocca tutti i diversi, e non solo gli omosessuali)  è tornare al rispetto degli uomini, che vanno rispettati perchè nostri fratelli e sono fratelli perchè figli di Dio.  Per cui l' omosessuale, lo storpio, il balbuziente, il grasso, la ragazza, il nero, il bianco, il religioso vanno rispettati anche se sono "diversi" (siamo tutti diversi), solo perchè è nostro fratello, e fra fratelli ci si rispetta. Tutto qui. Ecco l' unica lotta al bullismo che possiamo fare.
Tutto il resto è imporre un bullismo ancora maggiore. Come il bullismo che effettuano i "sentinelli" e tutte le altre associazioni della estrema sinistra "gay friendly" nei confronti degli altri cittadini italiani che non la pensano come loro e non si assoggettano al loro pensiero unico.

A.M.









Make a Free Website with Yola.