I metodi della propaganda rossa sono sempre gli stessi, da sempre.  Menzogna e ipocrisia.  Ribaltamento della verita' e  tentativo di  mascherare delinquenza e violenza con le parole.  Un esempio eclatante. Lo scorso novembre la nostra associazione ha fatto esporre dei manifesti in citta'. I manifesti erano del tutto regolari e non abusivi (come quelli che mettono abitualmente i delinquenti del centro "sociale" fornace). I manifesti non erano per niente anonimi. Per farli affiggere abbiamo dovuto presentare (anche ai Carabinieri) copia del nostro statuto.  Evidentemente quelli di rifondazione-comunista per "anonimo" intendono quello che loro non conoscono.

Dopo pochi giorni (anzi poche ore), i nostri manifesti sono stati completamente vandalizzati e ricoperti da manifesti altrui.  Fra l' altro le sigle di questi manifesti che si sono sovrapposto ai nostri  facevano riferimento proprio ai centri sociali, e anche al "fornace". 

Siamo quindi di fronte ad un atto di una gravita' inaudita.  Vera e propria censura e dittatura rossa.   "Chi non la pensa come noi e ci denuncia non ha diritto di parola, e non gli permettiamo nemmeno di affiggere dei manifesti".

Ora, di fronte ad una vigliaccata del genere, cosa ci troviamo nel sito di rifondazione comunista di Rho.  Eccolo:

"Dopo l'uscita in città di questi manifestini sentiamo il bisogno di esprimere la nostra solidarietà ai ragazzi della FORNACE. Dietro l'anonimato non si trova nulla di buono, anzi, come l'esperienza insegna, spesso è lo strumento di furori ideologici e allarmismi volti a far precipitare le cose. I ragazzi della FORNACE hanno il merito di metterci la faccia e sollevare problemi che in molti vogliono tacere. Non occupano lussuose dimore dove fare party e festini. Prendono le aree dismesse di questa città per sbatterci in faccia il lato nefasto del profitto: Consumare territorio e mano d'opera, speculare, abbandonare e poi tornare a speculare in un circolo vizioso. Chi si nasconde dietro l'anonimato dovrebbe fermarsi a riflettere su queste cose. "

Cioe', questi "politici"  esprimono solidarieta' non a chi ha subito la violenza ed e' stato censurato e imbavagliato, ma agli autori dell'imbavagliamento.  Non alle vittime , ma ai carnefici.     Rifondazione comunista esprime solidarieta' ad un branco di ladri prepotenti che si sono installati in un edificio altrui e praticano e predicano l' illegalita'. Oltre a praticare il bavaglio all' informazione!
Inoltre i  rifondaroli come al solito  scusano chi occupa abusivamente edifici altrui  e commette illegalita'. 
Usano il solito discorso per cui "ci sono ben altri delinquenti".    Per cui , alla fine,  chi e'  di sinsitra  e' sempre giustificato, anche quando commette crimini.
Sarebbe ora di finirla con questi discorsi infami e con la giustificazione della violenza.
Il discorso "corretto"  per una persona onesta,  dovrebbe essere opposto.
E cioe', proprio perche' c' e' tanta delinquenza, non dobbiamo giustificare in alcun modo il delitto e l' abuso.
Se un poveraccio sfigato trova un grosso portafoglio per strada, di proprieta' di Agnelli, lo restituisce al proprietario. Se no e' solo un disonesto e ladro. E questo i poveri (che fornace e rifondazione dicono di difendere) lo sanno benissimo.    E nessuno (salvo i delinquenti dei centri antisociali) vuole mettere le mani su un  edificio che non e' suo.
I veri protagonisti del sociale  nella storia (da San Francesco a Don Bosco, al Cottolengo, a don Gnocchi) non hanno mai rubato nemmeno una lira  (tantomeno una casa).   Eppure hanno fatto cose grandiose (proprio perche' erano onesti).
Ma i comunisti sono altra cosa.... Adesso come sempre.
Senza pudore e senza vergogna.
Ancora piu' da ridere il discorso del "furore ideologico". 
Cioe' , ci sono gruppi di criminali anarco-comunisti, che predicacano le occupazioni abusive, l' esproprio proletario,  assaltano i consigli comunali,  imbrattano muri, urlano e insultano
E poi in preda al furore ideologico sarrebbero quelli che li contestano e vorrebbero il ripristino della democrazia e della legge....
Goebbels e Stalin non sono niente di fronte a questi spudorati....




 

@ 2010 Associazione Culturale Katyn.

All Rights Reserved.

Make a Free Website with Yola.