associazione culturale katyn


VOGLIAMO PEDEMONTANA E TEM !!!

BASTA CODE,TRAFFICO, ECONAZISTI E GRILLINI

Milano, 1 febbraio 2015

Migliaia di cittadini lombardi (e non solo) sono condannati ogni giorno (da anni) a passare ore della loro vita in coda, ad accumulare stress, a sprecare soldi e benzina, su una rete stradale vecchia e insufficiente.   Ma pensate che di questa condizione disumana gliene freghi qualcosa ai nuovi "salvatori del pianeta"  (ecologisti, grllini, neocomunisti)?  Macchè!  Questi si indignano e si mobilitano quando, al contrario,  qualcuno cerca di fare qualcosa per migliorare la situazione e rendere più umana la vita della gente.

La pedemontana e la Tem sono opere assolutamente essenziali e necessarie, che faticano a completarsi per tanti motivi (finanziamenti, espropri, ricorsi, beghe politiche...).  Ma questo non vuol dire che devono essere fermate.  Anzi, il contrario! Devono essere terminate.

Invece Legambiente, grillini, comitati "civici" cercano  (come la solito) di sfrutttare le difficoltà e i problemi in modo pretestuoso per blocccare tutto.

Del resto la conosciamo bene questa gente... Sono contestatori per principio e per il "NO" a tutto.  Potevate pensare che non fossero anche contro la Pedemonta e la TEM?  E fortuna che le grandi infrastrutture del passato sono state fatte quando questi "paladini del pianeta"  non esistevano, altrimenti oggi non avremmo nemmeno autostrade, tangenziali, aeroporti... E probabilmente non avremmo nemmeno l' aspirina, perchè avrebbero detto che "inquina", che è "rischiosa" e che è meglio tenersi la febbre e l' influenza, tanto ecologiche e naturali...

Le argomentazioni portate avanti dalla truppa eco-animal-comunista per contestare ogni infrastruttura sono sempre le stesse; copia/incolla dal reportorio degli slogan semplificatori e idioti propri di ogni regime totalitario e fanatico:  "L' infrastruttura nasce vecchia"... "Costa troppo"..."Usiamo il trasporto pubblico". ecc. ecc.

Soprattutto il "mantra" del "dirottiamo i soldi sul trasporto pubblico" testimonia della mentalità demagogica illiberale e sovietica  di chi li formula.  Il trasporto pubblico, anche se necessario, non è la soluzione di tutti i problemi, sia perchè è sempre molto rigido e non si adatta alle esigenze e alla flessibilità degli uomini (soprattutto quelli che devono lavorare per vivere),  sia perchè , per quanti soldi si buttino su di esso, avrà sempre dei problemi insormontabili (sicurezza, scarsi controlli, scioperi, tempi di attesa, costi di manutenzione superiori a quelli del trasporto privato, ecc. ecc.).

Ma, si sa, Legambiente, grillini e comitati egemonizzati da gente di estrema sinistra,  odiano per principio la proprietà privata, il trasporto privato, la libertà di scelta e di movimento, e tutto ciò che non si conferma al loro modello "sovietico".

Speriamo solo che Maroni, Lupi e tutta la gran massa dei cittadini lombardi non si lascino sottomettere dalla ditttatura rosso-verde-animalista, e sappiano portare a termine le infrastrutture previste e assolutamente irrinunciabili.

Anzi, che la pedemontana venga completata ad ovest, partendo da Novara. E' incredibile che il flusso che dalla Francia va verso l' est europeo  debba arenarsi fra i capannoni e i palazzi della periferia nord di Milano.

Angelo Mandelli





Make a Free Website with Yola.