associazione culturale katyn


Un gruppo di donne a San Siro unico baluardo contro le occupazioni abusive

occupazioni 4Milano 1 Aprile – Affermano che le istituzioni milanesi sanno solo rimpallarsi le colpe e loro sono ormai esasperate. Sono un gruppo di donne, in gran parte anziane, di San Siro, un quartiere che, affermano, sta ormai diventando terra di nessuno.

Loro abitano le case popolari, pagano regolarmente l’affitto e da qualche settimana  si sono unite per cercare di mettere un freno alle occupazioni abusive nei palazzi intorno a piazza Selinunte.

Ormai sono diventate esperte nel riconoscere i campanelli d’allarme: l’arrivo di un furgone, la comparsa degli attrezzi  sul pianerottolo, i rumori della lastra di ferro (messa dalla polizia per sigillare le porte) che viene attaccata e comincia a cedere. E loro, vere e proprie donne coraggio, arrivano in gruppo, urlando, spintonando, facendo il possibile per scoraggiare chi aveva scelto quell’alloggio per un’occupazione abusiva.

In un’intervista a Repubblica  spiegano quella che ormai sta diventando la quotidianità  con due categorie di occupanti:   quelli chemaschera Guy Fawkes, arrivano con la maschera, solitamente la sera, e quelli con il cappuccio, che si vedono anche a tutte le ore del giorno».  La maschera  è il volto di Guy Fawkes, del film V per vendetta,  ormai simbolo per antonomasia di tutte le contestazioni, e quelli che la utilizzano sono i militanti dei centri sociali. Gli altri, quelli con il cappuccio, li conoscono tutti e abitano nel quartiere, abusivi anche loro sono gli occupanti di professione e si rivendono le case  guadagnando migliaia di euro  sottraendole a chi per bisogno ne avrebbe diritto. E’ una sorta di racket che non sembra trovare più freni, sembra incredibile da raccontare ma in via Paravia 82 vi è un solo inquilino in regola, mentre in via Tracia, su 120 alloggi, 80 sono occupati abusivamente.

occupazione

Sanno che la cosa può diventare pericolosa, a volte sono anche spaventate, ma si sentono costrette a intervenire ugualmente, perché si sentono abbandonate dalle istituzioni, perché ormai non vedono arrivare più nessuno a porre un freno a questa escalation di illegalità. E’ chiaro che loro però non possono bastare e si chiedono che ne sarà del loro quartiere. 

Make a Free Website with Yola.