Gruppo Consiliare Lega Nord Rho sulle intimidazioni del centro sociale

Da mesi il centro sociale Fornace maschera con finte “battaglie politiche” (PGT, ALFA, EXPO) l’attività illegale che avviene all’interno della sede da loro occupata.

Cercano di spostare l’attenzione per coprire le loro “Porcherie” : Vendita illegale di bevande in totale “esenzione fiscale”, non rispetto delle norme igieniche nella somministrazione di generi alimentari, disturbo della quiete pubblica oltre ad occupazione abusiva di immobile, danneggiamento e imbrattamento del patrimonio comunale.

Queste persone che dicono di difendere il territorio, difendono solo i loro “sporchi” interessi. Non si preoccupano dei cittadini per bene che abitano vicino alla sede da loro occupata, che non riescono più a dormire di notte e che sono addirittura impossibilitati a vendere le loro abitazione perché non riescono a trovare acquirenti.. visto i “vicini scomodi”.

L’Irruzione in Comune del centro sociale Fornace di Martedì sera , per l’ennesima volta ha interrotto “Questa volta con la violenza” una regolare seduta di consiglio. Si è arrivati ad insultare in consiglio il Sindaco, il consigliere Cecchetti e altri Consiglieri. Su i muri del quartiere S.Martino da alcune settimane sono apparse frasi minacciose soprattutto nei confronti del consigliere Cecchetti. Sulla pagina di facebook di Sos Fornace si legge: “I mandanti dell'assassinio sono il Sindaco ciellino Roberto Zucchetti e il leghista Fabrizio Cecchetti. Colpevoli insieme a loro tutta la giunta rhodense (a partire dall'assessore alle politiche sociali Carolina Pellegrini -Cielle- fino ai buzzurri consiglieri Caruso e Valneri). FUORI I RAZZISTI DALLE NOSTRE CITTA'!” “Il consiglio non si è fermato a riflettere sul fatto che la dignità di cittadini in carne ed ossa e di un popolo viene calpestata. Ha preferito discutere, dopo che abbiamo abbandonato l'aula, della violenza della nostra azione, in quanto entrando in Comune avremmo inavvertitamente danneggiato una porta” …

”inavvertitamente danneggiato una porta” (????) Chi era presente ha visto come questi “bravi ragazzi” (La maggior parte nemmeno residente a Rho) hanno distrutto la porta del comune che le forze dell’ordine e gli impiegati del comune avevo chiuso, come hanno travolto un impiegato comunale per raggiungere l’aula consigliare, con quale gentilezza hanno acceso fumogeni all’interno del palazzo comunale.

A questo diciamo Basta. Chiediamo che queste persone ben identificabile vengano denunciate, che paghino i danni arrecati al palazzo comunale e che la sede di Via san Martino venga sgomberata. La Lega Nord ritiene assurda la proposta del Pd di trovare un dialogo e un accordo con queste persone. La Lega Nord ritiene vergognoso che nessun consigliere di centro sinistra abbia espresso solidarietà al sindaco e al consigliere Cecchetti. La Lega Nord chiede pertanto che la Fornace “venga spenta”.. che questi lazzaroni vengano allontanati da Rho…

Gruppo Consiliare Lega Nord Rho

Make a Free Website with Yola.