associazione culturale katyn


Milano,  1 febbraio 2015

CHIUDERE I CENTRI SOCIALI DI MILANO. BASTA OCCUPAZIONI ABUSIVE, INTIMIDAZIONI E VIOLENZE, EVASIONE FISCALE TOTALE, FURTI DI ELETTRICITA' E ACQUA POTABILE, E ALTRE ILLEGALITA' E DITTATURE

Dobbiamo completare la lotta di liberazione. I cittadini di Milano non sono schiavi!



cartello affisso qualche tempo fa in piazza Stuparich, davanti alle palazzine occupate dal Cs Cantiere. Inutile dire che è stato subito stracciato.  I "democratici" kompagni anarchici non tollerano il dissenso (nei regimi anarco-comunisti, solo il loro dissenso è ammesso).


Le seguenti immagini provengono dai "siti" (eufemismo per dire "fogne") dei cosiddetti Centri Sociali. In particolare quello del Cs Cantiere (www.cantiere.org).  Documentano, più che tante parole, della sistematica esaltazione della illegalità e della dittatura operata da questi gruppi.
Le illegalità riguardano:  occupazioni abusive, appoggio alla delinquenza notav, azioni per impedire l' attività degli ufficiali giudiziari (picchetti antisfratto), realizzazione abusiva di esercizi commerciali, palestre, ruistoranti, negozi, senza licenze e senza norme di sicurezza, evasione fiscale,  resistenza alla forza pubblica,  ealtazione di azioni di squadrismo e violenza, ecc. ecc.




Militanti dei centi sociali che sventano le porte di appartamenti di case popolari.