LA PEGGIORE MAFIA:

QUELLA DEI CENTRI SOCIALI

Reati, vadalismi,  aggressioni, insulti e minacce mafiose a chi cerca di opporsi a loro.


La foto soprastante rappresenta un esempio (fra i tanti) delle intimidazioni e minacce ricevute in questi anni da quelli che hanno cercato di opporti alla mafia dei cosidetti "centri sociali",  una delle peggiori forme di criminalità organizzata che imperversano nelle nostre zone.  Le scritte sono apparse sulla stazione di Rho e poi cancellate.   il "Mandelli" che i mafiosi anarchici volevano "a testa in giu", non era altro che una persona che cercava di opporsi alle loro illegalità.  Cercava di difendere, assieme ad altri cittadini,  la gente del quartiere San Martino, dove il cosidetto "Centro Sociale Fornace" si era insedianto abusivamente occupoando (2 volte!) un capannone della ditta Eigenman-Veronelli.

I balordi della Fornace, oltre alla occupazione abusiva (già di per se stessa reato) organizzavano in loco quasi ogni week end feste notturne con musiche a tutto volume fino alle 6 del mattino dopo.  Oltre a queesta "delizia" per gli abintanti del quartiere, all' uscita erano urla,  bestemmie, vandalismi e imbrattamenti sui muri e le saracinesche vicine.   Alcuni abitanti delle case circostanti erano stati costretti a mettere recinzioni e cancellate a difesa delle loro case per evitare di trovarsi gente che andava a cagare o fare sesso nei loro cortili.  Le persone anziane e malate che abitavano nelle strade circostanti non ne potevano più  (ma anche gli altri).   Alla raccolta firme per lo sgombero della Fornace avevano firmato praticamente tutti,   soprattutto i più poveri e gli extracomunitari.  Infatti, checchè se ne dica, gli adepti dei centri sociali e anarchici sono espressione delle classi ricche e figli di papà, e non certo delle classi popolari.  Anzi, i poveri li odiano cordialmente.

Oltretutto l' edificio di via San Martino non aveva certo requisiti per ospitare spettacoli o altro.  Mancavano norme di sucurezza, norme igieniche, sistemi antincendio. E i "cvompagni sopciali" agivano in spregio ad ognio legge, senza pagare tasse e diritti alla SIAE.  Inoltre il capannone era infarcito di amianto. Tanto che quando poi è stato demolito, la proprietà ha dovuto penare non poco per lo la demolizione e lo smaltimento del materiale cancerogeno.

MA SI SA, A QUESTA MAFIA TUTTO E' PERMESSO.  E  TUTTO QUELLO CHE FANNO DEVE ESSERE COPERTO DALL' OMERTA' PIU' COMPLETA.

Le scritte sui muri non erano certo le sole forme di intimidazione a Mandelli.  Su Twitter si potevano trovare apprezzamenti sulla figura di Mandelli, come quello in grassetto, accanto ad incitamenti del tipo "spacchiamo tutto..:"...


sosFornace

  1. Zucchetti vattene! Presidio dell’opposizione sociale al prossimo Consiglio comunale di martedì 15 giugno http://tinyurl.com/2ubk9za
  2. Questa sera in Fornace ore 21.30 Renato Curcio presenta “Respinti sulla strada” e “I dannati del lavoro” http://tinyurl.com/34wgmml
  3. Associazione Katyn non è nient'altro che una persona psicolabile, malata e violenta che di nome fa Angelo Mandelli.
  4. Questa sera alle 18 inizia il I° Festival No Expo! Vi aspettiamo! Il programma http://tinyurl.com/32ls6q2 #milano #noexpo
  5. Spazio petardo, La Famiglia Rossi, B:Folk. Sabato sera. Palco esterno (interno se piove). http://www.festivalnoexpo.com/
  6. Franziska, Beska Roots Foundation, Vito War, Junior Sprea, Dreama, Il Lello, Powa Flowa. Venerdì sera. http://www.festivalnoexpo.com/
  7. Oggi festeggiamo un anno su twitter
  8. Sabato sera in Fornace jungle-drum'n'bass dj set!
  9. @milanoics dai che spacchiamo tutto! Siamo presi dai mille preparativi, ma se riusciamo ci vediamo Venerdì!

Ovviamente, se loro (i centro sociali) sono liberi di fare qualsiasi cosa, pena l' accusa di "repressione" e di "chiusuira di spazi sociali",  lo stesso non vale per chi la pensa diversamente.    La foto qui sotto mostra i manifesti della Associazione Katyn contro la Fornace, subito strappati e ricoperti dai "partigiani di quartiere"..... Cioè dai nuovi fascisti rossi.

Il bello è che, dopo la copertura abusiva dei manifesti da parte dei vandali, Rifondazione Comunista è scesa in campo non per difendere chi era stato oscurato e censurato (e danneggiato), ma per difendere i vandali,  facendoli passare come poveri perseguitati.  Che schifo!!!

Le foto qui sotto mostrano il livello di imbrattamento dei muri della zona San Martino (e in tutta Rho), dutrante il periodo di presenza della mafia anarchica.






Qualcuno dirà che però i "ragazzi"  fanno attività culturale e sociale...  Bene, fra le attività cultuali di questi centri "sociali", c' erano cose  del genere:


Oppure serate con brigatisti (non) pentiti come Renato Curcio....


LA STAZIONE DI RHO E' "COSA NOSTRA"

Ma l' azione di intimidazione continua dei dittatori della Fornace (alleata di altri gruppi criminali come Cantiere, Cox, Boccaccio, ecc.), si è rivolta sistematicamente contro tutti quelli a loro "sgraditi" che operavano sul territorio.  Dall' ottimo sindaco  "Zucchetti", definito dalla marmaglia anarchica "razzista" e "mafioso", alla Lega Nord, costantemente criminalizzata, alla Fiera di Milano, al Salone del Mobile, a Comunione e Liberazione.  Tutti quelli non di sinistra, sono stati fatto oggetto di aggressioni, intimidazioni e minacce, spacciate dai signori "sociali" come forme di "partecipazione popolare".  Solita storia già vissuta in tutte le dittature rosse.

Non si sono salvati nemmeno i consigli comunali che, durante la giunta Zucchetti dovevano essere costantemente protetti dalla polizia. E ciò non impediva che le SQUADRACCE FASCISTE ANARCHICHE facessero le loro piazzate con interruzioni, assalti e pute vandalismi. Alla faccia della "democrazia". 

Per la cronaca riportiamo il comunicato emesso a suo tempo dal gruppo consiliare della Lega Nord (LEGGI)

Lo riportiampo non perchè siamo leghisti, ma perchè oggigiorno sembra che la Lega Nord sia sotto accusa ingiustamente e dipionta come il più spregevole dei soggetti politici.   Invece era uno dei pochi (assieme al Pdl) che aveva il coraggio di denunciare i centri sociali e le loro malefatte..  Ad esempio,  non abbiamo certo sentito reazioni simili da parte del PD o del SEL o degli altri partiti di sinistra,  da sempre ambigui, se non addirittura collusi con la delinquenza e gli abusi dei centri sociali.

NOTA FINALE (per chi non lo sapesse):

Adesso sono stati scacciati da via San Martino, ma hanno occupato un altro stabile in via moscova... i LADRONI MAFIOSI!!!

E stanno replicando le stesse porcherie nella nuova "sede".

Make a Free Website with Yola.