nuova occupazione abusiva a Milano (edificio comunale in via Confalonieri)
LA FORNACE RUBA ANCORA

I criminali del Centro a-sociale Sos Fornace,non contenti di aver occupato abusivamente l' edificio di via Moscova a Rho (e averne occupati molti  altri prima) ,  hanno occupato (ma sarebbe meglio usare le parole opportune, e cioè RUBATO) , assieme ad altri gruppi (ma sono sempre gli stessi delinquenti)  un edificio di proprietà comunale a Milano, in via Confalonieri, 3 (zona Isola, dietro a Garibaldi).
Vedi  http://www.precaria.org/da-oggi-abbiamo-un-nuovo-spazio.html#more-35151
Sarebbe ora di fare qualcosa e fermare questa autentica MAFIA, che si crede padona di tutto e autorizzata a mettere le mani a suo piacimento sulla proprietà privata o pubblica, senza leggi e senza regole.


Questi gruppi creano inoltre una situazione ormai insostenibile di paura su tutto il territorio , con le sistematiche aggressioni e intimidazioni  verso tutti coloro che non la pensano come loro e organizzano attività "sgradite" alla Fornace.

Ricordiamo le aggressioni ai consigli comunali (almeno durante la passata amministrazione, perchè quella di adesso evidentemente è "amica" e quindi meno disturbata dai delinquenti anarchici).  Ricordiamo le manifestazioni abusive  in Fiera ( sono state sporte anche denunce da parte dell' Ente Fiera).  Ricordiamo la recente "contestazione" del convegno rìorganizzato dalla CdO a Rho. Ricordiamo gli assalti al convegno sul Piano Alfa.... E l' elenco potrebbe continuare indefinitamente....

Di fatto, con la presenza di questi dittatori non è più possibile organizzare tranquillamente e serenamente le proprie attività e manifestazioni senza correre il rischio (anzi la quasi sicurezza) di subire intimidazion i e minacce,o comunque disturbi indebiti.  E questa è la fine della libertà!

Le chiamano "contestazioni" (altra parolina magica coniata nel '68 per giustificare ogni forma di violenza e abuso).  Ma solo solo forme di prevaricazione e violazione della libertà altrui.

Il paradosso è che , mentre la gente onesta non ha più la possibilità di effettuare le proprie attività lecite e autorizzate, ecco che dei criminali che commettono reati sono liberi invece di manifestare in piazza e anche di fare tranquillamente ai loro reati. 

E' questa (ed è sempre stata) la logica dei Kompagni.

Associazione Culturale Katyn
www.associazioneculturalekatyn.com

Comunicato 2098-21