continua il saccheggio delle risorse degli italiani da parte degli enti pubblici

IL POPOLO ITALIANO IN BANCAROTTA PER COLPA DEGLI ENTI PUBBLICI.

MA NON C' E' PEGGIOR CIECO DI CHI NON VUOLE VEDERE.

Di chi è la colpa se siamo in crisi?  Delle banche? Dei capitalisti cattivi? Degli evasori fiscali?  No, è dello Stato e degli Enti Pubblici.

Infatti i titoli di Stato, chi li emette? Lo Stato... E perchè li emette?  Per finanziare le sue opere "pubbliche", cioè il  castello infinito di sovrastrutture poste sulla testa dei cittadini.

E quando si parla di Stato non ci si riferisce solo allo Stato Centrale, ma anche e  soprattutto agli Enti Locali. I principali spreconi e spendaccioni.

Certo, alcune cose che fa lo Stato e gli Enti Pubblici sono necessarie (strade, ospedali, polizia, magistratura...).  Noi non siamo anarchici e riconosciamo al funzione dello Stato, correttamente inteso.

Ma purtroppo a queste cose necessarie se ne sono aggiunte un sacco di altre ,  non necessari o addirittura dannose.  Pensate solo alle TV e Radio di Stato e agli investimenti "culturali" in genere.  Pensate che oggi quasi tutti i giornali , i film, i libri vengono sovvenzionati dallo Stato, cioè da tutti noi. COmprese autentiche porcherie.

Ma, come detto le spese maggiori sono quelle partorite dagli Enti Locali, soprattutto i Comuni, e soprattutto quelli di sinistra.  Fra arredi urbani, parchetti, panchine, lampioncini, centri sportivi, feste della birra, notti bianche, auditorium, consorzi,  centri sociali, ecco la pletora infinita di pretese "sociali", spacciate per necessarie, ma in realtà  imposizioni indebite a tutti di cose voluttuarie e opinabili.

La maggior parte di queste strutture pubbliche sono fuori controllo, sistematicamente vandalizzate dai soliti noti, e poco utilizzabili dai cittadini, che preferirebbero di gran lunga avere le risorse per migliorare i propri spazi privati piuttosto che essere costretti a foraggiare le attrezzature pubbliche, che non useranno mai, o useranno comunque poco.

Ma purtroppo gli Enti Locali se ne fregano altamente del cittadino singolo. Per loro l'  uncia cosa che conta sono le strutture pubbliche, di uso collettive. La  loro funzione prevalente è quella di espropriare i cittadini  dei loro soldi  per indirizzarli su  cose "pubbliche", che servono poco a nessuno  (ma servono molto a mantenere i loro apparati di potere) , e sono solo fonte di sprechi e di tasse.

Questa filosofia è stata ulteriormente aggravata dalle ideologie fascista e marxista che hanno dominato da noi negli ultimi 100 anni, ma soprattutto negli ultimi decenni.  Un visione secondo cui l' Ente Pubblico dove fare tendenzialmente  tutto. Insomma un sistema totalitario, dove tutti sono obbligati a servirsi alla greppia comune, e non più liberi di scegliere.

I Comuni sono i migliori alleati dei cittadini?  O i peggiori parassiti?