associazione culturale katyn


POLITICI BUGIARDI E DITTATORI (OVVERO LA PROVA PROVATA CHE IL GENDER ESISTE ED E' UN VERO E PROPRIO REGIME)

Per il ministro Giannini il gender nella scuola “non esiste” e sarà vietato pure parlarne

ma intanto a Bologna e Piacenza di insegna che sono normali i rapporti anali e orali, e che si può usare la pillola del giorno dopo per abortire il proprio bambino !!!

Ecco perché gli Italiani hanno  sempre più ragione a non fidarsi dei politici

Risultati immagini per ministro giannini gay

Il ministro dell’ istruzione Giannini ha affermato che parlare di gender nella scuola è una “truffa culturale” e minaccia denunce. Ma truffatrice è lei, oltrechè una tiranna.

Il gender esiste eccome! Ormai non c' è limite ad ogni forma di maialità spacciata come "educazione sessuale". Si gauardi in proposito cosa accade nelle scuole di Piacenza e Bologna-

si manifesta chiaramente nella espressione “identità  di genere” che viene usata sistematicamente nei documenti ufficiali (anche quelli a cui si richiama la “buona scuola”).

Questa espressione è stata introdotta negli ultimissimi anni o mesi, ma non è mai esistita nel linguaggio italiano e tanto meno in quello usato nei documenti scolastici.

Che cosa vuol dire “identità di genere”?  Nessuno lo sa.  Se si tratta di sesso, non si capisce  perché non parlare di sesso.  E se i generi sono diversi non si capisce perché parlare di "identità".

Ma probabilmente  per “genere” si intende qualcosa di diverso dal sesso, e cioè la “tendenza sessuale”.

Benissimo: sappiamo che esiste gente con tante tendenze sessuali diverse. E allora?  Che c’ entra la scuola con ciò?

Perché mai la scuola deve occuparsi dei gusti sessuali delle persone e insegnarli agli studenti?

Sappiamo che tutti devono essere rispettati indipendentemente non solo dai loro gusti sessuali, ma anche dai gusti sul cibo, sui vestiti, sulla pettinatura dei capelli, sulla musica, sulle tendenze politiche…

Ma allora la scuola dovrebbe fare una elencazione di tutti i gusti possibili per poi dire “guardate che ognuno può averli come gli pare e voi dovete rispettarli?”.

Oltretutto a livello di tendenze sessuali i “generi” potrebbero essere tantissimi.

Si pensi ai feticisti, ai sadomasochisti, a quelli che amano l’ autoerotismo, a quelli che fanno sesso con gli animali, alle ragazze che usano i vibratori per auto-stimolarsi, a quelli  a cui del sesso non gliene frega proprio niente.

Seguendo le “Linee guida educative” del ministro e della sua cricca ideologica,  la scuola dovrebbe esplicitamente parlare di tutte queste cose, farci degli elenchi  e dei supporti didattici, per poi poter dire “guardate che feticisti, sadomasochisti, masturbatori, amanti degli animali sono persone come altre che devono essere rispettate.

Risultati immagini per feticistiuna scuola contro le discriminazioni dovrebbe insegnare anche che esistino i sadomasochisti

L’ altra cosa ridicola delle farneticazioni istituzioanali-ministeriali sulle nuove linee guida di una scuola che combatte la “violenza di genere” è che nessuno capisce perché fissarsi sulle tendenze sessuali e non su moltissime altre cose che possono suscitare discriminazione e bullismo-

Si pensi al peso, alla statura, al modo di parlare, si nomi o cognomi “buffi” che qualcuno si porta dietro, e una infinità di altre cose.

Ad esempio perché non introdurre a scuola dei corsi sulla “parità di peso” e contro la "grassofobia" , che impediscano ai ragazzi di prendere in giro le persone obese o sovrappeso chiamandole “botte”, o “balena” o “grassone”? O supporti didattici sulla “parità di statura” che impediscano ai bulli di apostrofare il compagno con l’ epiteto “tappa”, “bassotto”, o altro?

Risultati immagini per bambino grasso a scuola discriminato     Omofobia?  Allora perchè non fare leggi o corsi contro la grassofobia?

O pensate a chi ha dei cognomi bizzarri, come “Cagnotto”, “Fetente”, “Caccarella”, ecc.   Chiediamo alla “buona scuola” di introdurre dei libretti nelle scuole di ogni ordine e grado  dove si fa l’ elenco dei cognomi strani  e si invitano i ragazzi a rispettare tutti coloro che hanno questi nomi…

Il Ministro Giannini (e la sua truppa di ignoranti, compreso il sotto-segretario Faraone) non hanno capito che gli italiani sono molto più furbi e intelligenti di loro; non sono colti da allucinazioni.  E non si lasceranno prendere per i fondelli. Tutti i bugiardi e i tiranni nella storia fanno prima o poi una brutta fine.

Risultati immagini per educazione gender negli asilisussidio didattico per la nuova scuola che non "discrimina"....




Angelo Mandelli

Make a Free Website with Yola.