EVASIONE FISCALE FORNACE

Rho,  23-giugno 2012

Siamo riusciti ad avere le foto scattate nell' edificio di via San Martino, 20   (occupato abusivamente per anni dal centro sociale Sos Fornace) poco dopo lo sgombero.  In evidenza i tariffari per le consumazioni.  Anche gli anarchici si fanno pagare.

E gli scontrini fiscali? E le licenze? E i controlli sanitari? E le ispezioni della Gdf e della Polizia?  E le ordinanze di chiusura per chi effettua attività illecite e senza sicurezza? Roba per i cittadini normali, ovviamente. Non per i centri "sociali"...

E, badate bene, qui non è questione politica. Infatti pure un Kompagno di ferro come Cofferati a Bologna aveva cercato di mettere in discussione la colossale illegalità ed evasione fiscale dei centri sociali.

Quanti soldi avranno incassato questi della Fornace, in 5 anni di regiime "tax free"?

Facciamo delle ipotesi.  Immaginiamo 100 persone a week end, ognuna della quali spende 10 euro a testa. E il tutto per 5 anni. Farebbero 250.000 euro, in una ipotesi minima di incassi. Escluse t-shirt. Ovviamente sono solo supposizioni, ma confermate dalla foto qui accanto. E dalla frequenza delle "feste" che si tenevano e si tengono nei tuguri anarchici. E da un minimo di aritmetica.

Ma oltre a non pagare le tasse, i centri sociali si pongono in una posizione di vantaggio illecito nei confronti di tutti gli altri cittadini ed esercizi commerciali o associazioni, in quanto non pagano neanche affitto, ICI, IMU. E non pagano nemmeno gli edifici che rubano. E non sappiamo se paghino elettricità o acqua (a chi sarebbero intestate le fatture? A dei ladri?).

E adesso in via Moscova si replica.. Avevamo già mandato una lettera aperta alla amministrazione comunale in proposito. Ma è rimasta lettera morta (di Cofferati non ce ne sono molti). Intanto i cittadini devono continuare ad assistere a questa vergogna, che è un insulto a loro stessi e alla loro onestà.

Rimane un' ultima considerazione da fare. Forse la più importante.  Questi della fornace passano il tempo a strillare  sulle illegalità e gli abusi degli altri (Expo, Fiera, ecc.) veri o presunti che siano.

Dovrebbero avere almeno il pudore di stare zitti.  Loro che canno dell' abuso, del furto, della violazione di ogni regola e legge, e della evasione fiscale, la ragione stessa della loro esistenza.


esempio di attività "culturali" del centro asociale sos fornace

 


Liquori "autoprodotti". E la sicurezza alimentare? Chi garantisce che non sono tossici?





 
Make a Free Website with Yola.