ALMENO LE TEVISIONI DI BERLUSCONI SONO sue. INVECE I KOMPAGNI (LADRI) USANO LE TELEVISIONI E RADIO DI STATO PER FARSI PROPAGANDA COI SOLDI DEI CONTRIBUENTI

Se mettiamo sul piatto della bilancia tutte le trasmissioni (tv e radio) prodotte dalle varie reti di Stato (non solo 1,2,3,visto che adesso ci sono anche le rai4,5 news, sport, ecc. ecc.) troviamo una schiacciante prevalenza di propaganda di sinistra ed antiberlusconiana, spesso sfacciata e viscerale. Dominano le trasmissioni di approfondimento a senso unico,a base di Santoro, Fazio, Travaglio, ecc. Alla radio ci sono programmi come "caterpillar", dove la satira e il sarcasmo sguaiato sono sempre contro Berlusconi, la Lega, la Chiesa Cattolica. E si porta avanti senza contraddittorio l' ideologia ecologista come fosse la verita' rivelata.  C' e' da dire anche che le poche trasmissioni che pendono dall' altra parte (come Zapping) sono molto piu' equilibrate e danno voce anche a gente di sinistra. Mentre quando qualcosa finisce in mano alla sinistra diventa tendelzialmente totalitaria,perche'il lroDNAe' quello  (da Lenin in poi).

Del resto si sa che il concetto di "par condicio" e' stato inventato dalla sinistra solo per censurare gli altri e avere via libera completa per se stessa.  Come se non bastasse, tutto e' infarcito dalla satira politica e dai comici che chissa' perche' sono tutti di sinistra e fanno satira solo da una parte.   Del resto questa e' sempre stata la politica (dittatoriale) della sinistra.   Criminalizzano e tendenzialmente vorrebbero abolire tutti i canali privati, che, a detta loro sono veicoli dell' abuso e della prevaricazione di pochi.  Gli unici canali mediatici che dovrebbero rimanere sono quelli Statali, in quanto controllati dalla "collettivita'".  Un ribaltamento completo (come nella logica dei falsari rossi) del concetto di democrazia e pluralismo.    In realta' la gestione Statale non garantisce affatto la liberta' e il pluralismo,  ma garantisce l' esatto contrario, e cioe' la censura,  il conformismo e l' asservimento al potere, per di piu' accollando il costo al contribuente..   Ma alla sinistra questo va benissmo, perche' sanno che a comandare saranno loro, e tramite le strutture pubbliche  riusciranno ad imporre la loro egemonia culturaleed ideologica.  Loro vogliono tutto pubblico perche'  sia tutto privato.Cioe' in mano a loro, ed in mano alle minoranze piu' ideologizzate e fanatiche.    Stile "centri sociali" appunto.  E se qualcuno  avra'  qualcosa da ridire, si inventerasnno il servizio "autogestito".Cioe' tutto Statale, ma tutto nelle nostre mani... Del resto, non vorrete mica dare spazio ai "fascisti"?