2009

Riportiamo qui sotto, a conoscenza di tutti,  le allucinanti pagine che si trovano su Internet (ocvviamente oscurarle sarebbe una "violazione della liberta'...).

Rappresentano il livello di infamia e demenza ideologica e aberrazione mentale raggiunto dai comunisti nelle citta' di Milano.

La stessa ipocrisia, lo stesso linguaggio, lo stesso odio , la stessa menzogna elevata a sistema di tutta la propaganda rossa di sempre.

Dai tempi dei gulag e della "rivoluzione cylturale" di Mao (e  delle stragi di Pol Pot) non e' cambiato nulla.

Questi delinquenti, non solo difendono (e' ovvio) i loro amici ladri e arroganti che volevano fare le fotocopie gratis, mettendole a carico dei contribuenti), ma dipingono gli studenti di CL, che non hanno fatto i vigliacchi, ma si sono opposti alla prepotenza, come "mandanti" di chissa' quale crimine.  E la magistratura come "braccio armato" di non si sa bene quale regime.

In questo modo il ribaltamento della verita' e' completo e infame.

I delinquenti prepotenti e violenti vengono dipinti come "perseguitati". Mentre chi difende il popolo dai soprusi dei nuovi tiranni viene spacciato come "repressore".

I veri repressori della liberta' e della dignita'  delle persone sono sempre loro: la mafia comunista.

Il vero regime sono loro.

A Milano la vita è cara: 5 arresti per 400 fotocopie gratis. Mandante: Comunione e Liberazione, braccio armato: la Magistratura

saperi

 

Una Milano... che ti beve!

5 studenti dell'Università statale di Milano (i più vecchi hanno 24 anni!), di cui 4 completamente incensurati sono stati arrestati questa mattina all'alba da un'imponente operazione di carabinieri, polizia (e digos) che ha letteralmente militarizzato l'area di Porta ticinese con un drappello di quasi 100 uomini.
Perquisite le case in cui vivevano alcuni dei ragazzi, poi tratti in arresto. Chi è stato testimone racconta di un dispiegamento di mezzi degno dell'antimafia. 4 si trovano ora ai domiciliari, 1 in carcere a San Vittore.

A lasciare allucinati è la motivazione dell'arresto, soprattutto se paragonato a quanto realmente successo: gli studenti sono stati arrestati per "rapina aggravata".
Il fatto: un'iniziativa contro il caro-studi dell'Onda alla Statale che aveva fotocopiato 400 pagine, usufruendo delle copiatrici del cusl, articolazione di Comunione e Liberazione nell'ateneo lombardo.

Certo tutti conoscono quanto ampio, capillare e ben infiltrato sia il potere di questa loggia cattolica nella regione e nel suo capoluogo; pochi osavano immaginare però tanta esposizione di forza pubblica.
Sulla responsabilità dei mandanti di questa azione repressiva non ci sono dubbi: testimonianze e riconoscimenti circa i responsabili del "crimine" li han fatti i giovani ciellini. Ad eseguire l'arresto, come sempre, la ligia magistratura milanese, braccio armato dei conservatori dello status quo, costi quel che costi.

 

Oggi, 13 novembre 2009 alle 6.00 del mattino è avvenuta un'irruzione nelle case occupate di Ripa di Porta Ticinese 83 e nelle abitazioni di altri due compagni da parte di una 90 di porci tra carabinieri e polizia guidati da digos e nucleo informativo.
A seguito dell'intervento sono state effettuate delle perquisizioni e sono stati arrestati cinque compagni.
La motivazione dell'operazione sono accuse di rapina aggravata e lesioni per aver rifiutato di pagare un centinaio di fotocopie cusl: il covo di cl in statale.


dal link:

http://www.infoaut.org/articolo/a-milano-la-vita-e-cara-5-arresti-per-400-fotocopie-gratis-mandante-comunione-e-liberazione-braccio-armato-la-magistratura