2009


Venerdi 20 Novembre, mentre era in corso una assemblea pubblica, indetta
dalla Amministrazione Comunale  di Rho (e amministrazioni limitrofe)
sul futuro de territorio,   un gruppo di alcune decine di facinorosi
legati ai cosiddetti “centri sociali”  e ad altre sigle di estrema
sinistra ,  dopo essersi  messi ad inscenare una “manifestazione”
proprio davanti all’ ingresso della sala del convegno,  con chiaro
intento provocatorio ed intimidatorio,  si sono poi introdotti nell’
auditorium con i megafoni e gli striscioni;   hanno tappato la bocca
ai relatori  e si sono messi a lanciare slogan ed inscenare un loro
“comizio”.
Imporsi con la violenza e chiudere la bocca con la prepotenza a chi
sta parlando e'  una azione di natura squisitamente fascista.
Quanto avvvenuto Venerdi sera   e’ un atto gravissimo  che ci riporta
indietro nel tempo ai periodi piu’ neri della nostra  storia e cioe’ a
prima  della resistenza ai regimi nazi-fascsiti e comunisti.
E’ qualcosa che nessuna persona civile (e che ha combattuto nella
resistenza per riportare la democrazia in Italia) si sarebbe mai
aspettato e avrebbe mai voluto vedere ripetersi.
Evidentemente  i “soliti noti”, dalle camincie nere o rosse che siano,
 cercano  periodicamente  di distruggere la nostra liberta’ e le
nostre istituzioni,  e di riportarci ad un regime di intimidazione ,
abuso e dittatura ideologica, dove loro (piccola minoranza di
prepotenti) piu' imporsi con la violenza sopra la volota' popolare.
Come era successo anche negli anni successivi al '68.
Non per nulla gli organizzatori di questi episodi fanno capo al
cosidetto “centro  sociale” sos-fornacece, cioe’dei delinquenti che si
sono impossessati  abusivamente  di un edificio altrui e continuano ad
occuparlo nonostante lo sgombero delle forze dell’ ordine, dimostrando
chiaramente tutta la loro arroganza,  e prepotenza.     Non per nulla
fra gli slogan lanciati durante il “comizio” dal delinquente che
parlava col megafono,  c’ era al difesa del “centro sociale” abusivo,
definito come “unico spazio di socializzazione per  i giovani”.   A
parte la ridicolaggine di affermazioni del genere, cio’ testimonia
molto bene la natura totalitaria di questi dittarori.   Per loro
esistono solo le loro cose  e le loro idee... spacciate come le uniche
"vere" e da imporre a tutti con la violenza.
Il  fatto che  l’ episodio di venerdi sera venga “dipinto” dagli
organizzatori (e da certi loro "amici")  come una “normale protesta” o
una “pacifica manifestazione”,  fa  parte purtroppo del triste
bagaglio  propagandistico di ogni regime.  Oltre alla prepotenza, e’
la menzona e la sistematica mistificazione della natura della realta’
l’ ingrediente piu’ tipico delle dittature e della instaurazione dei
tiranni.
La nostra associazione chiede a tutte le forze politiche, sociali e
istituzionali di opporsi con la massima fermezza  a  quanto sta
accadendo a Rho (e non solo).
Chiediamo a tutti  di fare tutto quanto in loro potere per difendere
la liberta’, la democrazia nelle nostre citta’,  onde non si debba
verificare mai   piu’ che persone pacifiche convenute per assistere ad
un democratico e pacifico convegno pubblico  debbano  subire  gli
umlianti  diktat di una minoranza di prepotenti fascisti.
Chiediamo inoltre che tutti i cfentri sociali abusivi vengano
sloggiati dalle loro sedi, perche’ questa situazione di ingiustizia
che perdura talvolta da anni e’ qualcoca che cozza  radicalmente
contro il senso di giustizia e di democrazia di tutto il popolo
italiano.

Siamo tutti occupati dai centri-sociali.

Associazione Culturale Katyn