2009


In tutto il mondo (soprattutto quello ex-comunista) celebrano la caduta del muro e la fine dell' incubo comunista.

In Italia invece i figli di papa' con la puzza sotto il naso che non hanno mai provato i gulag rossi,  giocano ancora a fare la rivoluzione, e continuano imperterriti a inneggiare alla falce e martello.

Non solo, ma proseguono con l' arroganza totalitaria di sempre, okkupano edifici altrui, scuole e università,  imbrattano i muri, fanno manifestazioni schifose dove esaltano l' odio e la menzogna.

Insomma spadroneggiano come facevano quelli che poi sono crollati e ora sono sepolti dallo sdegno popolare.

Gente senza pudore  e senza vergogna.