associazione culturale katyn


RAZZISMO E XENOFOBIA PALESTINESE, CONTRO GLI INSEDIAMENTI ISRAELIANI

NON "TOLLERANO" GLI INSEDIAMENTI DI "TERRONI" ISRAELIANI sul "LORO" TERRITORIO E sognano la PULIZIA ETNICA



Cosa succederebbe se a Torino qualcuno volesse impedire  gli insediamenti di case popolari destinati ai "terroni", o a Bologna si volesse impedire di affittare case agli immigrati nord africani,  o a Milano si volessero impedire gli insediamenti di cinesi in via Sarpi?
Chi volesse fae queste cose verrebbe bollato di razzismo e xenofobia.
Lo stesso succederebbe se in Bosnia o in Serbia si volessere fermare gli insediamenti di popolazioni di etnia albanese. O se in Francia si ponesse il veto alla costruzione di case per i migranti di origine algerina.

Tuoni e fulmini si scatenerebbero da parte di tutta l' intelligentia progressista. "Razzisti", "Nazisti", "Xenofobi"... si metterebbero a strillare.

Ma se questo succede in Israele e nei territori palestinesi , e se a chiedere di fermare gli insediamenti di "stranieri" sono  arabi palestinesi islamici, allora tutto ok.  Anzi, gli danno pure ragione.
E danno torto al governo israeliano che invece da via libera agli insediamenti di persone di etnia israeliana.

La "razza" israeliana non è tollerata dai razzisti e xenofobi arabi e palestinesi, che scendono in piazza, tirano le pietre e sparano.

Perchè loro vogliono essere "padroni a casa loro"...  Che se lo dicesse Salvini, sarebbe impalato.
E con la differenza che Salvini si quarda bene dal bloccare gli insediamenti di "terroni" o musulmani. Ma si limita a dire che l' immigrazione va controllata.

Ma in Israele non si tratta nemmeno di immigrazione. Si tratta di gente che è già lì, e che vorrebbe abitare da qualche parte.

Ma gli arabi musulmani, da sempre razzisti e xenofobi, non tollerano che qualcuno, al di fuori della lro "razza" e della loro "religione" possa vivere assieme a loro.

Credo che abbiano imparato da qualcuno che viveva in Germania nel secolo scorso.-....

Make a Free Website with Yola.